Cum Grano Salis

Riflessioni di una Contabile su temi Economici e Finanziari di MONICA VITALI

CONOSCENZA E CONOSCENZE

Conoscenza e conoscenze
Conoscenza e conoscenze

In tempi di crisi, con i tagli lineari alla spesa che hanno impoverito Scuola e Università, si fa sempre più strada l’idea che l’investimento nello studio, nella propria conoscenza, nella propria formazione sia poco remunerativo, troppo lungo o troppo incerto.

La crisi economica ha provocato un aumento delle disparità nelle opportunità di studio e di formazione: la forbice che si è creata, tra ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri, riguarda anche la cultura. Chi appartiene alle classi meno abbienti non investe più sulla cultura di sé e dei propri figli. Mentre fino a qualche anno fa si pensava ancora che l’istruzione rappresentasse un efficace ascensore sociale, ora si sta diffondendo l’impressione che la CONOSCENZA(quello che so), cioè il capitale sociale che un giovane si costruisce da solo attraverso lo studio, stia diventando meno importante delle CONOSCENZE(quelli che conosco), cioè il capitale sociale formato dal network di conoscenze.
In un paese immobile e scarsamente meritocratico come il nostro, il fattore familiare è sempre stato determinante, ma oggi rischia di diventarlo ancora di più perché le possibilità di un giovane di costruirsi da solo il futuro con le proprie mani diventano sempre più scarse.

 

Chi non parte con un bagaglio di competenze costruito in ambito familiare, ed è disposto a dedicare tempo ed energie, può cercare di creare la propria rete di relazioni aiutandosi con Internet, che rappresenta “la rete” per eccellenza. In un mondo interconnesso viene data a tutti l’opportunità di sviluppare il proprio network di conoscenze tramite i social network: Linkedin ad esempio è stato creato apposta per i rapporti professionali e può dare una mano, a patto di saperlo usare correttamente e di sfruttarne le opportunità. Gestire la propria presenza su Internet attivando una rete di contatti vuol dire costruirsi intorno uno strumento di networking professionale per allacciare, mantenere, e coltivare relazioni più o meno strette con altre persone che partecipano alla stessa rete. Mantenere aggiornato e comunicare il proprio profilo professionale significa stare sul mercato in modo attivo con le proprie competenze, conoscenze ed esperienze, ed avere una “rete di protezione” particolarmente importante in un momento di crisi e di vuoto da parte delle istituzioni.
Nella valutazione che si fa di se stessi, del proprio valore e delle proprie potenzialità conviene pertanto considerare, oltre ai titoli e alle proprie esperienza (quindi alla conoscenza tecnica) dalle quali non si può prescindere, anche il  proprio patrimonio di conoscenze, dandosi l’obiettivo di sviluppale e di curarle così come si fa con la propria formazione. Il consiglio è quello di redigere un elenco delle persone che si conoscono in base all’intensità del rapporto, verificare l’aggiornamento dei contatti e darsi l’obiettivo di intrattenere i rapporti. Oltre a rappresentare un arricchimento personale, può rivelarsi prima o poi una carta da giocare nell’ambito del proprio percorso professionale.

Post Correlati

Leave a comment